Artrodesi cervicale

Contenuto di:

L’intervento di fissazione di vertebre cervicali contigue, può essere eseguito per via anteriore o posteriore. Entrambe le procedure hanno come finalità quella di rimuovere la causa di compressione del midollo o/e delle radici spinali. L’artrodesi cervicale anteriore è l’intervento chirurgico più frequentemente praticato e permette di accedere alla colonna vertebrale dalla parte anteriore del collo.

Che cos'è l'artrodesi delle vertebre cervicali per via anteriore?

Cervicale | Pazienti.it

Questa procedura, permette di fissare le ossa del tratto cervicale della colonna vertebrale con o senza l'inserimento di impianti (cage, plate-cage, placche) metallici o non metallici. Affinché vi sia una vera e propria immobilizzazione delle vertebre contigue è necessario che si crei una fusione ossea, ottenuta attraverso un prelievo di cresta iliaca, o di origine sintetica. Durante uno stesso intervento è possibile agire su più vertebre.

In quali casi si effettua l’artrodesi cervicale per via anteriore?

L'artrodesi delle vertebre cervicali è una procedura chirurgica consigliata in casi di traumi o di deformazioni post-traumatiche o più semplicemente in quei casi in cui si verifica la compressione di una radice nervosa cervicale (dovuta a formazione di osteofiti oppure ad ernia discale o ad entrambe queste cause). Il primo sintomo lamentato dai pazienti è rappresentato dal dolore. Dolore che inizia al collo, per poi irradiarsi alle zone della spalla o del braccio. Al dolore possono seguire disturbi della sensibilità sotto forma di parestesie, ipoestesie  e più raramente l’anestesia dell’arto.

Solitamente la prima indicazione che viene data dai medici per alleviare il dolore, è  l’esercizio fisico, accompagnato dall’assunzione di farmaci e dalla fisioterapia. Qualora i trattamenti conservativi e le soluzioni non chirurgiche non fossero risolutive o si verificasse un peggioramento dei sintomi, così come in casi seri di spondilosi cervicale, di osteofitosi cervicale o di stenosi cervicale, l’indicazione del medico è solitamente rivolta all’intervento chirurgico di artrodesi.

In cosa consiste l’intervento di artrodesi cervicale per via anteriore?

Nello specifico, il chirurgo procede all’intervento con un'incisione praticata orizzontalmente o longitudinalmente sul lato destro o sul lato sinistro del collo. Successivamente procederà ad una discectomia (procedura eseguita per alleviare la pressione delle vertebre), alla quale fa seguito la fusione con innesto o l'inserimento di impianti (cage o plate-cage) fissati con viti.

L’intervento viene eseguito in regime di ricovero ospedaliero e il paziente viene sottoposto ad anestesia generale. La durata della procedura chirurgica varia dai 20 ai 40 minuti.

In cosa consiste il decorso post-operatorio?

Dopo l’intervento il paziente dovrà rimanere a letto per le successive sei ore a scopo precauzionale e quindi potrà regolarmente alzarsi. Nei giorni successivi la procedura è necessario monitorare lo stato funzionale neurologico e la guarigione della ferita, per evitare che questa possa infettarsi.

A seconda dei casi potrà essere prescritto o meno, l’uso del collare di contenzione (solitamente per 3-4 giorni) oppure il solo riposo, con l’indicazione di evitare movimenti bruschi a carico del collo.

L’intervento di artrodesi cervicale per via anteriore ha meno controindicazioni?

Malgrado non ci siano dati sufficienti in letteratura che indichino che l’artrodesi cervicale per via anteriore sia più indicata di quella posteriore, quello su cui la comunità scientifica sembra essere in accordo è che la scelta del medico per l’uno o l’altro intervento è solitamente influenzata dall’area in cui è localizzato il problema. Altro parametro presi in considerazione per la scelta del tipo di intervento è l'instabilità cervicale.

L'approccio per via anteriore consentirebbe un miglior controllo della compressione midollare e quindi minori fastidi e dolori post-operatori. Malgrado ciò questa procedura non è esente da rischi a carico dei vasi sanguigni, dei visceri, e del nervo laringeo.

L’artrodesi per via anteriore sembra avere effetti positivi anche sul decorso post-operatorio, in quanto i fastidi e i dolori post-operatori associati all'intervento sono ridotti rispetto a quelli associati all'artrodesi per via posteriore. Le possibili complicazioni di questo intervento invece, sono di tipo nervoso ( raucedine o disfagia), vascolare (è possibile riscontrare a carico delle arterie) o viscerale (con danni all'esofago). 

Argomenti: cervicale Artrodesi cervicale
Risonanza_magnetica | Pazienti.it
Risonanza magnetica

La risonanza magnetica è un esame diagnostico impiegato per rendere visibili le parti interne del nostro corpo. La risonanza magnetica è utilizzata in campo ortopedico, oncologico, cardiologico e gastroenterologico.

Missing | Pazienti.it
Collo

La sezione della spina dorsale contenuta nel collo è detta regione cervicale. Essa ha origine dall’atlante (prima vertebra cervicale) e termina a livello di C7 (settima vertebra cervicale). Questo tratto...

Torcicollo | Pazienti.it
Torcicollo

Il torcicollo è una condizione di dolore e difficoltà di movimento del collo, specialmente quando si cerca di ruotare la testa lateralmente. Il torcicollo può anche essere accompagnato da mal...

Rachide_cervicale | Pazienti.it
Rachide cervicale

Il rachide cervicale è una parte della colonna vertebrale composta da sette vertebre, all'altezza del collo. Oltre a indicare la zona anatomica, l'espressione si usa per indicare torcicollo o dolori...

Ossa_occipitale | Pazienti.it
osso occipitale

L'osso occipitale è un osso di forma romboidale; è tra le ossa che compongono il cranio e si trova nella parte posteriore del cranio.

Dolore_al_collo | Pazienti.it
Cervicobrachialgia

La cervicobrachialgia è una condizione dolorosa cervicale e brachiale. Il dolore si irradia dal collo all’arto superiore, fino alle dita delle mani, attraverso i nervi del plesso brachiale.