Antitiroidei

Contenuto di:

I farmaci antitiroidei hanno lo scopo di inibire la produzione ormonale della tiroide. Questo tipo di medicina agisce più rapidamente rispetto alle terapie con iodio radioattivo e non causa danni permanenti alla tiroide.

Perché assumere antitiroidei?

Missing | Pazienti.it

Si può fa uso di questi farmaci prima di iniziare un trattamento con iodio radioattivo oppure prima di un intervento chirurgico per portare il metabolismo alla normalità e ridurre i rischi di complicazioni.

Spesso si ricorre a farmaci antitiroidei anche quando si è affetti dall’Oftalmopatia di Graves, una forma di esoftalmo, manifestazione di un morbo al nervo ottico.

Come agiscono gli antitiroidei?

I farmaci antitiroidei di solito non provocano effetti immediati, ma i sintomi iniziano a migliorare solo tra le 2-8 settimane dall’inizio del trattamento. Spesso è possibile che ci vogliano fino a sei mesi per far tornare alla normalità i livello dell’ormone della tiroide.

I farmaci antitiroidei funzionano meglio se si soffre di una forma lieve di ipertiroidismo, se chi li assume ha meno di 50 anni e se la ghiandola tiroidea è poco gonfia.

In caso di ritorno dell’ipertiroidismo anche in seguito a cure farmacologiche, è possibile assumere nuovamente farmaci antitiroidei, ma il trattamento con iodio radioattivo ha più possibilità di successo permanente.

In alcuni casi, un farmaco antitiroideo funziona meglio di altri, come ad esempio il Metimazolo che può essere somministrato una volta al giorno, ha meno effetti collaterali e costa meno.

Effetti collaterali degli antitiroidei?

Come tutti i farmaci, anche gli antitiroidei hanno effetti collaterali. È importante, perciò, informarsi bene prima di assumere qualsiasi farmaco.

Ecco alcuni degli effetti collaterali più comuni dei farmaci antitiroidei:

  • dolori articolari
  • nausea e vomito
  • gonfiore a viso, labbra, lingua
  • prurito
  • rash cutaneo
  • sensazione di affaticamento
  • problemi di respirazione
  • disturbi al fegato
  • basso livello di globuli bianchi

In generale, è importante assumere un farmaco antitiroideo ogni giorno più o meno alla stessa ora.

È molto utile, inoltre, farsi controllare regolarmente il livello dell’ormone tiroideo, per assicurarsi che si stia assumendo una giusta dose del farmaco.

Il trattamento con antitiroidei è meno efficace con i bambini, a causa dei rapidi cambiamenti corporei cui sono soggetti.

Consigli per le donne

In caso di gravidanza, allattamento al seno o progetti per rimanere incinta, l’uso di farmaci antitiroidei è sconsigliato. Alcuni farmaci, infatti, potrebbero danneggiare il feto.

È importante avvisare il medico circa la propria condizione di salute prima di iniziare la terapia.

In caso di assunzione di questi farmaci durante una gravidanza, è consigliata una dose minima.

Nato il bambino, è possibile allattare al seno anche durante l'assunzione di farmaci antitiroidei.

Argomenti: ipertiroidismo ipotiroidismo antitiroidei
Tsh | Pazienti.it
TSH alto

Si parla di TSH alto, quando il livello di ormoni nel sangue supera le 5 microunità per millilitro. Tale condizione si verifca perchè la tiroide lavora poco o l'ipofisi non...

Missing | Pazienti.it
TSH

Il TSH è un ormone prodotto dalle cellule dell'ipofisi anteriore. Il TSH agisce sulla tiroide, influendo sulla sua funzionalità. I normali valori del TSH sono di 0,5-5,0 µU/ml.

Tiroide | Pazienti.it
Tiroide

La tiroide è una ghiandola endocrina situata nella regione anteriore del collo. Questa ghiandola sintetizza principalmente due ormoni, la triiodotironina e la tetraiodotironina che influenzano fortemente tutto il nostro metabolismo....

Missing | Pazienti.it
Terapia con iodio 131

La terapia con iodio 131 è un tecnica terapeutica volta a trattare i pazienti affetti da ipertiroidismo o successivamente al trattamento chirurgico in caso di neoplasia tiroidea. Lo iodio 131,...

Missing | Pazienti.it
Tiroidite linfocitaria silente

La tiroidite linfocitaria silente è un'infiammazione della tiroide per effetto della quale il paziente alterna periodi di ipertiroidismo a periodi di ipotiroidismo. La terapia farmacologica mira ad alleviare alcuni sintomi...

Endocrinopatia | Pazienti.it
Endocrinopatia

L’endocrinopatia è il termine comune con cui vengono indicate le malattie delle ghiandole endocrine. Il termine è comunemente anche usato come un termine medico per un problema ormonale.

Ormoni_tiroidei | Pazienti.it
Ormoni tiroidei

Gli ormoni tiroidei sono alcuni tipi di ormoni prodotti dalla tiroide che hanno la principale funzione di regolare il metabolismo, ma che coadiuvano anche altre funzioni dell'organismo.

Tireoglobulina | Pazienti.it
Tireoglobulina

La tireoglobulina è prodotta dalla ghiandola tiroidea, necessaria per le normali attività metaboliche.

Ipotiroidismo | Pazienti.it
Ipotiroidismo

L'ipotiroidismo è una disfunzione della ghiandola tiroide che non produce abbastanza ormoni tiroidei. Sintomi comuni dell'ipotiroidismo sono stanchezza, aumento di peso e depressione.

Tiroidite_di_hashimoto | Pazienti.it
Tiroidite di Hashimoto

La tiroidite di Hashimoto è una malattia autoimmune consistente nell'infiammazione della ghiandola tiroidea.