Ictus

Contenuto di:

L’ictus è una grave condizione che ha luogo quando viene ostacolato il normale afflusso di sangue a una parte del cervello. Come tutti gli organi, il cervello ha bisogno di ossigeno e sostanze nutritive fornite dal sangue per funzionare correttamente. Se l'approvigionamento di sangue è limitato o interrotto, le cellule cerebrali cominciano a morire. Questo può comportare conseguenti danni cerebrali, e, nei casi più gravi, la morte.

Cosa è l'ictus?

Ictus | Pazienti.it

L’ictus è una grave patologia medica che ha luogo quando per una parte del cervello viene ostruito il normale afflusso di sangue. Come tutti gli organi, il cervello ha bisogno di ossigeno e sostanze nutritive fornite dal sangue per funzionare correttamente. Se l'approvigionamento di sangue è limitato o interrotto, le cellule cerebrali cominciano a morire. Questo può comportare conseguenti danni cerebrali, l'ictus e, nei casi più gravi, la morte.

Quante tipologie di ictus esistono?

Ci sono due principali tipi di ictus:

  • ictus ischemico (che rappresenta oltre l'80% dei casi): l'afflusso di sangue viene interrotto a causa di un coagulo di sangue
  • ictus emorragico: un vaso sanguigno atto al trasporto del sangue al cervello scoppia apportando notevoli danni cerebrali

Vi è anche una condizione correlata, nota come attacco ischemico transitorio, dove l'apporto di sangue al cervello viene temporaneamente interrotto, provocando un "mini-ictus". Bisogna tener conto dei mini ictus in quanto segnali palesi di ictus in arrivo.

Chi sono i soggetti a rischio di ictus?

Solitamente i soggetti affetti da ictus sono gli over 65 anche se casi di ictus accadono in percentuale minima anche agli under 65, o raramente nell’infanzia. Ovviamente ci sono dei fattori che possono aumentare, in relazione allo stile di vita che si conduce, le possibilità di avere un ictus, come:

  • fumo di sigaretta
  • sovrappeso
  • mancanza di esercizio fisico
  • elevati valori di pressione arteriosa: valori superiori a 140 mmHg di sistolica e di 90 mmHg di diastolica
  • colesterolo alto
  • fibrillazione atriale: è un disturbo del ritmo cardiaco in cui si formano dei trombi nelle cavità cardiache che possono dare origine agli emboli che occludono le arterie cerebrali
  • diabete mellito: superiore a 126 mg/dl
  • elevati valori di glicemia a digiuno
  • eccessiva assunzione di alcol

Come si può prevenire l' ictus?

L' ictus può essere trattato con una combinazione di farmaci e, in alcuni casi, con la chirurgia. Nella prevenzione ovviamente una dieta equilibrata e uno stile di vita sano sono ottimi rimedi naturali; i danni da ictus richiedono lunghe riabilitazioni psico-fisiche e non sempre con garanzie di recupero al 100%.

Come riconoscere i sintomi di un ictus?

I segni ed i sintomi di un ictus variano da persona a persona, ma di solito si verificano improvvisamente. I sintomi dipendono dalla parte del cervello che è stata colpita nonché dall’entità del danno. I sintomi principali di ictus sono:

  • volto paralizzato per una metà con conseguenza paralisi di bocca e occhi
  • difficoltà nel sollevare il braccio corrispondente al controllo della parte cerebrale lesa
  • confusione e difficoltà nell’effettuare discorsi coerenti
  • intorpidimento o debolezza con conseguente paralisi completa di un lato del corpo
  • improvvisa perdita della vista
  • vertigini
  • problemi di comunicazione
  • problemi di equilibrio e coordinazione
  • difficoltà di deglutizione
  • mal di testa improvviso e grave
  • rigidità del collo

Quali fattori possono favorire un ictus?

Ci sono alcuni fattori di rischio che favoriscono l'ictus, come:

  • età
  • storico clinico ereditario
  • etnia
  • fumo
  • pressione alta (ipertensione)
  • obesità
  • alti livelli di colesterolo
  • peculiarità familiari legate a disturbi cardiaci o diabete
  • eccessiva assunzione di alcol
  • ipertiroidismo (ipertiroidismo)
  • eccessiva assunzione di caffeina

Come si diagnostica l’ictus?

L’ictus è di solito diagnosticato mediante lo studio delle immagini del cervello. Anche se i sintomi fisici di un ictus sono evidenti, la scansione del cervello deve essere effettuata per determinare:

  • se è stato causato da un'arteria bloccata o dallo scoppio di un vaso sanguigno
  • quale parte del cervello è stata colpita

Quali sono attualmente le tecniche per poter identificare un ictus?

  • TAC e/o Risonanza magnetica cerebrale
  • ecocolordoppler carotideo
  • angioTC o angiografia cerebrale
  • ecocardiogramma

Esiste un'effettiva ripresa dopo un'ictus?

Sicuramente il recupero da ictus non è immediato e comporta un intenso lavoro riabilitativo, ad ogni modo i danni e la ripresa da ictus dipendono anche dalla natura del soggetto colpito da ictus. Il danno che provoca un ictus al cervello può avere effetti su molti aspetti della routine e a seconda delle circostanze individuali, si può richiedere un certo numero di trattamenti diversi e metodi di riabilitazione.

Come si previene l’ictus?

Una cattiva alimentazione è un fattore di rischio per un ictus. L’alto contenuto di grassi può portare alla formazione di placche di grasso nelle arterie e a ipertensione. Si dovrebbero evitare gli alimenti che contengono grassi saturi perché questi aumentano i livelli di colesterolo. Gli alimenti ricchi di grassi saturi da evitare sono:

  • torte a base di carne
  • insaccati e tagli grassi della carne
  • burro
  • strutto
  • crema
  • formaggio a pasta dura
  • torte e biscotti
  • alimenti che contengono olio di palma o di cocco

Una dieta equilibrata dovrebbe includere una piccola quantità di grassi insaturi, che contribuirà a ridurre i livelli di colesterolo e quindi i rischi di ictus. Gli alimenti ricchi di grassi insaturi sono:

  • pesce azzurro
  • avocado
  • noci e semi
  • semi di girasole, di colza, di oliva e oli vegetali

La combinazione di una dieta sana con l'esercizio fisico regolare è il modo migliore per mantenere un peso idoneo alla nostra costituzione e quindi ridurre il rischio di ictus

Quali sono le complicazioni derivanti da ictus?

Le complicazioni derivanti da ictus sono:

  • disfagia
  • problemi di deglutizione
  • idrocefalia
  • mal di testa
  • vomito
  • perdita di equilibrio
  • trombosi venosa profonda

Argomenti: ictus ischemia cerebrale
Slider2_640x480_scaled_cropp_5 | Pazienti.it
Esame dell'holter pressorio in telemedicina: scopriamo perché è così importante

Misurare la pressione è un fattore molto importante di prevenzione. Il dottor Massimo Gualerzi, cardiologo, ci spiega in cosa consiste l'esame dell'holter pressorio e perchè questo semplice apparecchio può essere...

Angioplastica_carotidea | Pazienti.it
Angioplastica carotidea

L'angioplastica carotidea è una procedura medica fatta per prevenire e / o curare l'ictus. Essa consiste nell'apertura dell'arteria carotidea ostruita.

Missing | Pazienti.it
Risonanza magnetica a segmento

La risonanza magnetica a segmento è una tecnica di imaging biomedico che consiste nell'uso dell'imaging a risonanza magnetica per valutare la funzionalità di un organo o un apparato, in maniera...

Missing | Pazienti.it
Stenosi carotidea

Con stenosi della arteria carotide si intende un restringimento delle arterie carotidi.

Missing | Pazienti.it
Omocisteina

L’omocisteina è un amminoacido, ossia un elemento costitutivo delle proteine. Non è possibile assumere l’omocisteina attraverso il cibo, ma si forma dalla de-metilazione (eliminazione di un gruppo metilico CH3) della...

Emispasmo_facciale | Pazienti.it
Emispasmo facciale

L’emispasmo facciale è una condizione che si presenta con una contrazione muscolare involontaria e intermittente dei muscoli facciali. All’inizio il problema colpisce solo piccole zone, come ad esempio le palpebre,...

Emorragia_cerebrale | Pazienti.it
Emorragia cerebrale

L’emorragia cerebrale è una condizione neurologica causata dalla rottura di un’arteria con conseguente sanguinamento all’interno del cervello stesso.

Insufficienza_cerebrovascolare | Pazienti.it
Insufficienza cerebrovascolare

Quando parliamo di insufficienza cerebrovascolare facciamo riferimento a numerose condizioni rare che provocano l'ostruzione di una o più arterie che portano il sangue al cervello, causando una ischemia.

Statine | Pazienti.it
Statine

Le statine sono una classe di farmaci, prescritti dai medici, in caso di incremento dei livelli di colesterolo LDL nel sangue, al fine di ridurlo e prevenire infarti e ictus....

Sindrome_di_benedikt | Pazienti.it
Sindrome di Benedikt

La sindrome di Benedikt è costituita da un insieme di manifestazioni sintomatiche dovute alla lesione che interessa una parte del cervello. Può causare vari sintomi neurologici, in base alla specifica...