Emispasmo facciale

Contenuto di:

L’emispasmo facciale è una condizione che si presenta con una contrazione muscolare involontaria e intermittente dei muscoli facciali. All’inizio il problema colpisce solo piccole zone, come ad esempio le palpebre, causando dei piccoli ammiccamenti dell’occhio. Col passare del tempo però il disturbo però peggiora e porta a chiusura dell’occhio a intermittenza o la contrazione di altri parti della faccia e può causare anche nevralgia. L’emispasmo facciale che ha origine della parte inferiore del viso di solito è causato dalla deviazione della rima buccale. In alcuni caso, lo spasmo arriva fino ai muscoli della parte anteriore del collo.

Chi è colpito da emispasmo facciale?

Emispasmo_facciale | Pazienti.it

L’emispasmo facciale di solito colpisce persone di età superiore ai quarant’anni e, nella maggior parte dei casi, le donne. La causa principale è la nascita spontanea e raramente è causato da traumi facciali. 

Quali sono le cause dell’emispasmo facciale?

La causa dell’emispasmo è da ricercarsi nella sfera neurovascolare, dove di solito un vaso sanguigno si trova molto vicino ai nervi cranici, soprattutto il nervo facciale. Le pulsazioni del vaso sanguigno creano dei traumi al nervo vicino portando alla nascita degli spasmi.

Altre cause meno frequenti possono essere: un tumore o una qualsiasi massa di si formi all’interno del cranio e in prossimità del nervo facciale.

Lo stress, le emozioni forti, la fatica, le luci troppo intense e la lettura possono peggiorare l’emispasmo facciale

Quali sono le terapie possibili per l’emispasmo facciale?

Esistono due tipi di terapia per curare l’emispasmo facciale: la terapia per via orale e la terapia iniettiva locale.

Terapia orale

La terapia per via orale per il trattamento dell’emispasmo facciale risulta tutt’ora poco efficace per la cura della condizione. Di solito, vengono prescritti la carbamazepina, la fenitoina, il baclofene e il clonazepam. Gli effetti collaterali di questi farmaci sono molto forti e portano di solito a confusione mentale, problemi di memoria e sedazione forte. La carbamazepina può inoltre causare problemi al fegato e può influire sulla composizione chimica del sangue.

Trattamento iniettivo locale

Come per altri problemi di tipo neurologico, il trattamento più efficace per la cura dell’emispasmo facciale è quello a base di iniezioni localizzate di tossina botulinica, più conosciuto come Botox.

La tossina può essere iniettata o direttamente nel muscolo dove avviene lo spasmo oppure sottocute, più in superficie rispetto al muscolo. La tossina paralizza il muscolo e questo porta a una riduzione o addirittura un’eliminazione completa degli spasmi. Questo trattamento ha però una durata dai 3 ai 6 mesi e va ripetuto ciclicamente.

Gli effetti collaterali di questo tipo di trattamento possono essere l’irritazione cutanea dove avviene l’iniezione, l’eccessivo indebolimento del muscolo con la conseguente difficoltà nel chiudere l’occhio e nell’abbassare la palpebra. In alcuni casi, possono comparire macchie scure nel campo visivo o può verificarsi la visione doppia, ma sono tutti effetti collaterali momentanei che vanno via poche ore dopo il trattamento. 

Esistono dell terapie chirurgiche per l’emispasmo facciale?

La terapia orale e le iniezioni di tossina sono dei trattamenti che controllano i sintomi dell’emispasmo. Un intervento chirurgico può invece andare a eliminare la causa del problema. Di solit,o viene effettuato un intervento di microchirurgia in cui si allontana il vaso sanguigno dal nervo facciale, inserendo un tampone per favorire la decompressione vascolare.

Con questo tipo di intervento, circa l’85% dei casi si sono risolti completamente.

Questo tipo di intervento ha però delle possibili complicazioni, la sordità e l’ipotonia del nervo facciale, ma sono molto rare.

L’età e la gravità dell’emispasmo influiscono sulla possibilità di essere sottoposti all’intervento, per questo è consigliato parlarne approfonditamente con il neurochirurgo. 

Argomenti: ictus emispasmo facciale
Cervello | Pazienti.it
Cervello

Il cervello è la parte più sviluppata e funzionalmente più importante nel sistema nervoso dei mammiferi, e il suo funzionamento costituisce il fondamento primario dell’individualità biologica e dell’identità personale. Esso...

Slider2_640x480_scaled_cropp_5 | Pazienti.it
Esame dell'holter pressorio in telemedicina: scopriamo perché è così importante

Misurare la pressione è un fattore molto importante di prevenzione. Il dottor Massimo Gualerzi, cardiologo, ci spiega in cosa consiste l'esame dell'holter pressorio e perchè questo semplice apparecchio può essere...

Angioplastica_carotidea | Pazienti.it
Angioplastica carotidea

L'angioplastica carotidea è una procedura medica fatta per prevenire e / o curare l'ictus. Essa consiste nell'apertura dell'arteria carotidea ostruita.

Missing | Pazienti.it
Risonanza magnetica a segmento

La risonanza magnetica a segmento è una tecnica di imaging biomedico che consiste nell'uso dell'imaging a risonanza magnetica per valutare la funzionalità di un organo o un apparato, in maniera...

Missing | Pazienti.it
Stenosi carotidea

Con stenosi della arteria carotide si intende un restringimento delle arterie carotidi.

Missing | Pazienti.it
Omocisteina

L’omocisteina è un amminoacido, ossia un elemento costitutivo delle proteine. Non è possibile assumere l’omocisteina attraverso il cibo, ma si forma dalla de-metilazione (eliminazione di un gruppo metilico CH3) della...

Emorragia_cerebrale | Pazienti.it
Emorragia cerebrale

L’emorragia cerebrale è una condizione neurologica causata dalla rottura di un’arteria con conseguente sanguinamento all’interno del cervello stesso.

Insufficienza_cerebrovascolare | Pazienti.it
Insufficienza cerebrovascolare

Quando parliamo di insufficienza cerebrovascolare facciamo riferimento a numerose condizioni rare che provocano l'ostruzione di una o più arterie che portano il sangue al cervello, causando una ischemia.

Statine | Pazienti.it
Statine

Le statine sono una classe di farmaci, prescritti dai medici, in caso di incremento dei livelli di colesterolo LDL nel sangue, al fine di ridurlo e prevenire infarti e ictus....

Sindrome_di_benedikt | Pazienti.it
Sindrome di Benedikt

La sindrome di Benedikt è costituita da un insieme di manifestazioni sintomatiche dovute alla lesione che interessa una parte del cervello. Può causare vari sintomi neurologici, in base alla specifica...