Risonanza magnetica a segmento

Contenuto di: - Curatore scientifico: Dr. Lucia Burrai
Indice contenuto:
  1. Cos'è la risonanza magnetica a segmento?
  2. Come si svolge la risonanza magnetica a segmento?
  3. A cosa serve la risonanza magnetica a segmento?

Cos'è la risonanza magnetica a segmento?

La risonanza magnetica a segmento è una tecnica di imaging biomedico che consiste nell'uso dell'imaging a risonanza magnetica per valutare la funzionalità di un organo o un apparato, in maniera complementare all'imaging morfologico.Le informazioni date dalle immagini di risonanza magnetica sono essenzialmente di natura diversa rispetto a quelle degli altri metodi di imaging, infatti è possibile la discriminazione tra tessuti sulla base della loro composizione biochimica, inoltre si hanno immagini delle sezioni corporee su tre piani diversi (assiale, coronale, sagittale), il che però non le conferisce la tridimensionalità.

Come si svolge la risonanza magnetica a segmento?

La risonanza magnetica a segmento prevede che il paziente si sottoponga ad un forte campo magnetico statico. L'intensità del campo magnetico può variare dai decimi di tesla, per piccole macchine dedicate allo studio delle articolazioni, a 3 tesla per le macchine attualmente in commercio per scopi diagnostici. Alcune macchine per la risonanza magnetica funzionale attualmente in commercio raggiungono campi di 7 T, mentre nell'ambito sperimentale sono in sviluppo dispositivi da 8 e 9 T.

A cosa serve la risonanza magnetica a segmento?

La risonanza magnetica a segmento è funzionale all'individuazione di alcune patologie come:

  • Alzheimer: grazie al tensore di diffusione dell'acqua nella sostanza bianca si sta studiando la precoce diminuzione del fascio I FO in questa patologia.
  • Sclerosi multipla
  • Processi espansivi (tumore)
  • Ictus (nel processo finale durante l'edema cerebrale risultante. Lo stravaso di sangue dell'ictus emorragico si vede meglio nella TC)
  • indagine di problemi osteo-articolari.