Angioplastica carotidea

Contenuto di:

L'angioplastica carotidea è una procedura medica fatta per prevenire e / o curare l'ictus. Essa consiste nell'apertura dell'arteria carotidea ostruita.

Che cos'è l'angioplastica carotidea?

Angioplastica_carotidea | Pazienti.it

L'angioplastica carotidea è una procedura che apre le arterie ostruite per prevenire o curare ictus. Le arterie carotidee si trovano su ciascun lato del collo e le arterie principali sono la fornitura di sangue al cervello.

In cosa consiste l'angioplastica carotidea?

La procedura dell'angioplastica carotidea prevede l'inserimento temporaneo di un palloncino minuscolo all'interno dell'arteria carotidea ostruita per poterla allargare. L'angioplastica carotidea è spesso combinata con il posizionamento di una bobina metallica chiamata stent nell'arteria intasata; lo stent aiuta l'arteria aperta e diminuisce la possibilità che questa possa restringersi nuovamente.

In quali casi si effettua l'angioplastica carotidea?

L'angioplastica carotidea viene effettuata quando la tradizionale chirurgia della carotide non è possibile o è troppo rischiosa.

Quali rischi comporta l'angioplastica carotidea?

Di seguito sono riportate alcune delle complicazioni che possono essere associate all'angioplastica carotidea:

  • ictus o mini ictus
  • restringimento della carotide (restenosi)
  • coaguli di sangue
  • sanguinamento nella gamba in cui sono stati inseriti i cateteri

Cosa fare prima dell'angioplastica carotidea?

Prima di sottoporsi ad un'angioplastica carotidea ci si può sottoporre ad uno o più dei seguenti esami:

  • ultrasuoni
  • angiografia a risonanza magnetica
  • angiografia carotidea

Cosa accade in seguito ad un'angioplastica carotidea?

Dopo la procedura dell'angioplastica carotidea è possibile doversi sottoporre ad un'ecografia della carotide. La maggior parte delle persone sono dimesse dall'ospedale entro 48 ore dopo l'angioplastica carotidea.Il sito del catetere può rimanere gonfio e livido per alcuni giorni.Potrebbe essere necessario evitare attività fisiche pesanti e il sollevamento di oggetti pesanti nelle 24 ore successive alla procedura.

Come ci si deve comportare in seguito ad un'angioplastica carotidea?

Dopo essersi sottoposti ad un'angioplastica carotidea è consigliabile cambiare stile di vita per poter mantenere i risultati ottenuti. Nello specifico si consiglia di:

  • non fumare
  • abbassare i livelli di colesterolo
  • mantenere un peso sano
  • controllare le condizioni del diabete, l'ipertensione e l'apnea del sonno
  • fare attività fisica

Argomenti: ictus Angioplastica carotidea arteria carotidea ostruita
Cervello | Pazienti.it
Cervello

Il cervello è la parte più sviluppata e funzionalmente più importante nel sistema nervoso dei mammiferi, e il suo funzionamento costituisce il fondamento primario dell’individualità biologica e dell’identità personale. Esso...

Slider2_640x480_scaled_cropp_5 | Pazienti.it
Esame dell'holter pressorio in telemedicina: scopriamo perché è così importante

Misurare la pressione è un fattore molto importante di prevenzione. Il dottor Massimo Gualerzi, cardiologo, ci spiega in cosa consiste l'esame dell'holter pressorio e perchè questo semplice apparecchio può essere...

Missing | Pazienti.it
Risonanza magnetica a segmento

La risonanza magnetica a segmento è una tecnica di imaging biomedico che consiste nell'uso dell'imaging a risonanza magnetica per valutare la funzionalità di un organo o un apparato, in maniera...

Missing | Pazienti.it
Stenosi carotidea

Con stenosi della arteria carotide si intende un restringimento delle arterie carotidi.

Missing | Pazienti.it
Omocisteina

L’omocisteina è un amminoacido, ossia un elemento costitutivo delle proteine. Non è possibile assumere l’omocisteina attraverso il cibo, ma si forma dalla de-metilazione (eliminazione di un gruppo metilico CH3) della...

Emispasmo_facciale | Pazienti.it
Emispasmo facciale

L’emispasmo facciale è una condizione che si presenta con una contrazione muscolare involontaria e intermittente dei muscoli facciali. All’inizio il problema colpisce solo piccole zone, come ad esempio le palpebre,...

Emorragia_cerebrale | Pazienti.it
Emorragia cerebrale

L’emorragia cerebrale è una condizione neurologica causata dalla rottura di un’arteria con conseguente sanguinamento all’interno del cervello stesso.

Insufficienza_cerebrovascolare | Pazienti.it
Insufficienza cerebrovascolare

Quando parliamo di insufficienza cerebrovascolare facciamo riferimento a numerose condizioni rare che provocano l'ostruzione di una o più arterie che portano il sangue al cervello, causando una ischemia.

Statine | Pazienti.it
Statine

Le statine sono una classe di farmaci, prescritti dai medici, in caso di incremento dei livelli di colesterolo LDL nel sangue, al fine di ridurlo e prevenire infarti e ictus....

Sindrome_di_benedikt | Pazienti.it
Sindrome di Benedikt

La sindrome di Benedikt è costituita da un insieme di manifestazioni sintomatiche dovute alla lesione che interessa una parte del cervello. Può causare vari sintomi neurologici, in base alla specifica...