Dolori articolari

Contenuto di:

Il dolore articolare è la manifestazione di patologie degenerative delle articolazioni, e talvolta esso viene confuso con altri tipi di dolori che sembrano provenire dall’interno delle articolazioni, ma che sono causati da processi patologici a carico delle strutture limitrofe, come muscoli e tendini.

Cos’è il dolore articolare?

Dolori_articolari | Pazienti.it

Il dolore articolare, noto come artralgia, è spesso associato ad uno stato infiammatorio dell’articolazione. L’infiammazione dell’articolazione è chiamata artrite.

Il dolore articolare può manifestarsi:

  • a riposo;
  • durante un’attività motoria che coinvolge l’articolazione infiammata;
  • in modo acuto;
  • in modo cronico;
  • in una singola articolazione;
  • in diverse articolazioni (può interessare sempre le stesse articolazioni o articolazioni differenti, in modo simmetrico o asimmetrico ai lati del corpo).

Tutte le articolazioni possono infiammarsi, sebbene sia più frequente che accada a quelle degli arti.

Con l’infiammazione, oltre ai dolori alle articolazioni, possono manifestarsi altri sintomi:

  • calore, gonfiore e rossore della regione anatomica interessata dall’infiammazione;
  • eruzione cutanea, febbre, ed altri sintomi associati alla patologia che causa il dolore articolare.

In particolare, alcuni sintomi non andrebbero sottovalutati se il dolore è presente in più articolazioni, ed occorre rivolgersi al medico:

  • dolori articolari e muscolari
  • ulcere orali, nasali, o genitali;
  • dolore toracico, dispnea, tosse;
  • dolore addominale;
  • dolore o rossore oculare.

Quali sono le cause?

L’artrite è la causa principale di dolore alle articolazioni, ed essa può essere:

  • acuta;
  • cronica.

L’artrite, a sua volta, scaturisce da diverse condizioni. Ad esempio, l’artrite acuta è causata da:

  • infezione virale o batterica (anche in altri distretti, come le infezioni del tratto digerente e delle vie urinarie, che causano artrite reattiva);
  • malattie autoimmuni (come artrite reumatoide, psoriasi, lupus) o altre patologie croniche;
  • malattia di Lyme.

L’artrite cronica può essere causata da:

  • malattie autoimmuni e patologie croniche;
  • osteoartrosi, che è la causa più comune negli anziani;
  • artrite idiopatica giovanile, che colpisce i bambini.

Tra le patologie che causano artrite cronica, alcune di esse colpiscono prevalentemente talune articolazioni, come nel caso della spondilite anchilosante, la quale interessa più frequentemente la zona lombare della colonna vertebrale, mentre l’artrite reumatoide colpisce maggiormente la zona cervicale.

Come detto in precedenza, si può impropriamente definire dolore articolare quello causato da processi infiammatori delle strutture limitrofe all’articolazione. I dolori muscolari localizzati vicino le articolazioni, e i dolori alle mani sono alcuni esempi. In questo caso, le cause più comuni sono:

  • fibromialgia (una sindrome causata da dolori muscolari diffusi e rigidità);
  • polimialgia reumatica (infiammazione muscolare che interessa progressivamente tutti i muscoli, inizia tipicamente con dolori muscolari al collo e si propaga nel tempo fino allo sviluppo di dolori muscolari alle gambe);
  • borsite;
  • tendinite.

Dolori articolari in menopausa: quali le cause?

L’artrosi è la principale causa di dolori articolari nelle donne in menopausa, in particolare alle spalle e alle piccole articolazioni. La ragione è il calo di estrogeni, i quali esercitano un’azione protettiva sulle articolazioni, mantenendole in salute. Gli effetti negativi della riduzione di estrogeni sono amplificati nelle donne predisposte geneticamente poiché possiedono un recettore per gli estrogeni alterato.

La terapia ormonale sostituiva, in questo caso, previene lo sviluppo di artrosi (oltre quello di osteoporosi).

Come si diagnostica la causa del dolore alle articolazioni?

Il medico, prima dell’esame obiettivo del paziente, pone alcune domande riguardo:

  • l’intensità del dolore, le modalità con cui esso compare (a riposo o in attività) e da quanto tempo persiste (se comparso improvvisamente o gradualmente nel corso di un certo tempo);
  • la presenza di altri sintomi;
  • patologie articolari precedentemente diagnosticate;
  • rischio di esposizione a malattie sessualmente trasmesse o a malattia di Lyme.

Durante l’esame obiettivo, il medico verifica la mobilità dell’articolazione, sia attraverso movimenti compiuti dal paziente sia mediante movimenti da lui assistiti.

Per stabilire quale sia la causa del dolore articolare, è necessario eseguire degli esami, tra cui:

  • esami del sangue con velocità di eritrosedimentazione (VES), livelli di proteina c-reattiva, e dosaggio di anticorpi;
  • analisi del liquido articolare, mediante aspirazione articolare o artrocentesi;
  • radiografia.

L’analisi del liquido articolare può rivelare la presenza di un’infezione o della gotta. Indicatori di infezione sono anche i valori elevati di VES e proteina C-reattiva.

Il medico richiederà esami più specifici in base al sospetto diagnostico, e tra questi vi sono:

  • tomografia computerizzata (TC)
  • risonanza magnetica nucleare (RMN).

Quali sono i rimedi?

Per eliminare il dolore articolare è necessario individuare la causa che lo genera, ed impostare la terapia adeguata per la patologia. Ad esempio, se il dolore articolare è causato da una malattia autoimmune, come il lupus eritematoso sistemico o l’artrite reumatoide, il paziente sarà curato con farmaci che sopprimono il sistema immunitario.

Se la causa scatenante il dolore articolare è un’infezione, invece, al paziente saranno prescritti degli antibiotici opportuni. Se la causa è l’osteoartrite, le opzioni disponibili sono gli integratori di glucosamina e le infiltrazioni di acido ialuronico.

Per alleviare la sintomatologia dolorosa, si può:

  • assumere farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS);
  • osservare il riposo;
  • immobilizzare l’articolazione con una benda o una stecca;
  • utilizzare impacchi caldi, per rilassare i muscoli (almeno 15 minuti);
  • utilizzare impacchi freddi, per ridurre l’infiammazione (almeno 15 minuti).

Una volta posta diagnosi, il medico indicherà la terapia, che comprende sempre la fisioterapia. La fisioterapia va iniziata quando infiammazione e dolore si sono attenuati, ed è utile per conservare l’ampiezza di movimento e rinforzare la muscolatura.

Argomenti: dolori articolari reumatismi menopausa
Ovulazione | Pazienti.it
Ovulazione

L'ovulazione è la condizione di espulsione dell'ovocita dalle ovaie. In donne che hanno un ciclo regolare di 28 gg, essa si manifesta attorno al 14esimo giorno del ciclo mestruale (...

Tumore_di_benner | Pazienti.it
Tumore di Benner

Il tumore di Benner è una rara forma di cancro benigno che colpisce l'ovaio nelle donne dopo la menopausa.

Missing | Pazienti.it
Controllare il colesterolo grazie a un'alimentazione corretta: i consigli del cardiologo

Il dr. Luigi Gianturco, cardiologo, ci parla in questa videointervista di un argomento molto importante: il colesterolo e l'alimentazione corretta per prevenire problemi al cuore.

Pillole | Pazienti.it
Terapia ormonale sostitutiva

La terapia ormonale è un trattamento medico eseguito per combattere i sintomi della menopausa.

Chlorella | Pazienti.it
Chlorella

La Chlorella, sebbene molto piccola, ha caratteristiche grandiose, apportando numerosi benefici all'organismo.

Andropausa | Pazienti.it
Andropausa

L’andropausa è un cambiamento fisico che molti uomini attraversano invecchiando, in conseguenza al calo della produzione di ormoni.

Spotting | Pazienti.it
Spotting

Spotting è un termine usato per indicare un sanguinamento vaginale anomalo, al di fuori del regolare ciclo mestruale.

Missing | Pazienti.it
17 beta estradiolo

Sia negli uomini che nelle donne, i due principali estrogeni, biologicamente attivi, sono il 17 beta estradiolo (E2) e l’estrone (E1). Durante la gravidanza l’estrogeno che assume un ruolo predominante...

Missing | Pazienti.it
Connettiviti

Con il termine connettiviti ci si riferisce a un gruppo eterogeneo di patologie reumatiche autoimmuni caratterizzate dall'infiammazione cronica del tessuto connettivo.

Poliartrite | Pazienti.it
Poliartrite

La poliartrite è un'artrite che colpisce cinque o più articolazioni ed è spesso causata da condizioni autoimmuni come l'artrite reumatoide.