Dolore alla schiena

Contenuto di:

Il dolore alla schiena si può presentare per cause di varia natura, come ernia del disco, stiramenti muscolari o sciatica. È sempre bene consultare lo specialista, per capire insieme qual è il trattamento più efficace.

Quando si parla di dolore alla schiena?

Dolore_alla_schiena | Pazienti.it

Il dolore alla schiena è un disturbo piuttosto comune, che normalmente tende ad andar via nel giro di pochi giorni. Non è quindi da considerare come una malattia vera e propria, ma è più un sintomo di diverse condizioni patologiche.

Il dolore interessa particolarmente la porzione lombare della schiena e si parla quindi di mal di schiena lombare.

Nella maggior parte dei casi il mal di schiena è una semplice conseguenza di uno stiramento dei muscoli della schiena. Tuttavia, è anche possibile che sia il sintomo di un problema più serio, che richiede l’attenzione di uno specialista.

Quali sono le cause?

Le cause del dolore alla schiena possono essere varie. I sintomi che si manifestano nella parte bassa posteriore possono essere causati da: 

  • Sforzi eccessivi: i muscoli e i legamenti della schiena possono stirarsi in seguito a sforzi eccessivi, causando dolore e rigidità nella regione lombare.
  • Lesione del disco intervertebrale: i dischi della colonna vertebrale possono subire dei danni e i rischi aumentano con l’avanzare dell’età. Il disco può infatti spostarsi dalla sue sede anatomica (ernia del disco). Tale condizione si verifica quando lo strato cartilagineo all’esterno del disco si assottiglia e il nucleo centrale va a quindi a comprimere le radici dei nervi spinali.
  • Sciatica: può essere una conseguenza di un’ernia del disco e verificarsi quando si ha la compressione del nervo sciatico. Il nervo sciatico provvede all’innervazione di tutta la gamba e, se compresso, può causare un dolore che si estende in tutta la gamba fino alla parte inferiore della schiena.
  • Stenosi spinale: si tratta del restringimento del canale vertebrale che può comprime i nervi spinali. Questa condizione può verificarsi in seguito ad un processo di degenerazione del disco intervertebrale, con conseguente compressione delle radici dei nervi spinali.
  • Curve patologiche della colonna vertebrale: scoliosi, cifosi e lordosi sono condizioni che determinano un’anomala curvatura della colonna vertebrale e possono pertanto esercitare pressione sui muscoli, sui legamenti e sulle stesse vertebre.

Quali sono i sintomi del mal di schiena?

In base al tipo di causa, il mal di schiena può avere caratteristiche diverse. Queste comprendono:

  • un dolore fastidioso nella regione lombare;
  • fitte che possono estendersi a tutta la gamba fino a raggiungere il piede;
  • impossibilità di mantenere una posizione eretta senza avvertire dolore;
  • difficoltà a compiere una serie di movimenti come piegare la schiena.

I dolore alla schiena tende ad andar via nel giro di pochi giorni o al massimo una settimana quando è causato da un semplice strappo muscolare. Se invece i sintomi durano più a lungo, si è dinanzi ad una condizione cronica e potenzialmente più pericolosa.

Quali sono i rimedi per il dolore alla schiena?

Nella maggior parte dei casi, il dolore di schiena può essere trattato con l’assunzione di farmaci antinfiammatori non-steroidei, come ibuprofene e naprossene. Se il dolore persiste, il medico può consigliare di effettuare una serie di iniezioni di corticosteroidi.

Bisogna ricordare che si tratta in ogni caso di farmaci, ed è quindi opportuno evitarne un abuso soprattutto se si è in presenza di patologie renali.

I farmaci possono infatti rivelarsi efficaci nel breve periodo ma non impediscono al dolore di ripresentarsi successivamente. E’ per questo che il medico può suggerire di rivolgersi a un fisioterapista, che può quindi procedere con la terapia manuale e consigliare di prendere parte a esercizi di gruppo, volti a migliorare la postura e rafforzare i muscoli della schiena.

In rari casi, si può decidere per un intervento chirurgico. L’intervento chirurgico è consigliato quando il dolore è causato da condizioni patologiche più serie, come ernia del disco e stenosi vertebrale.

E’ inoltre possibile ricorrere a rimedi alternativi, che comprendono:

Ad ogni modo prima di ricorrere a rimedi alternativi o di assumere farmaci per il mal di schiena, è opportuno informare il medico curante.

Argomenti: mal di schiena dolore alla schiena ernia del disco
Mal_di_schiena | Pazienti.it
Mal di schiena

Il mal di schiena interessa la parte inferiore della schiena ed è un disagio molto comune non causato da malattie o lesioni serie, perciò si differenzia dal mal di schiena...

Contusione_della_colonna_vertebrale_ | Pazienti.it
Contusione della colonna vertebrale

La contusione della colonna vertebrale è un trauma caratterizzato dalla presenza di dolore intenso nella zona interessata; solitamente, tale condizione traumatica, scompare da sola.

Colpo_della_strega | Pazienti.it
Colpo della strega

Il colpo della strega è una condizione patologica invalidante, meglio definita come lombalgia acuta.

Lombosciatalgia | Pazienti.it
Lombosciatalgia

La lombosciatalgia è una condizione invalidante che riguarda la regione lombare e non va confusa con la lombalgia.

Mal_di_schiena | Pazienti.it
Spondilolisi

La spondilolisi è un disturbo della colonna vertebrale, che causa delle fratture in corrispondenza dell’istmo vertebrale. Importante è una diagnosi precoce.

Ernia_discale | Pazienti.it
Ernia discale

Come un disco degenera e può rompersi, così il nucleo interno può fuoriuscire attraverso la porzione esterna del disco, e questa condizione è nota come ernia del disco. Il punto...

Sintomi_e_cure_della_sciatalgia | Pazienti.it
Sintomi e cure della sciatalgia

La sciatalgia si manifesta con un intenso dolore che parte dal basso della schiena e raggiunge la gamba in alcuni casi fino al piede. I sintomi dolorosi della sciatalgia sono...