Ritornare a scuola: ecco come evitare microbi e raffreddori

Pubblicato il 03/09/2015
Ritornare a scuola: ecco come evitare microbi e raffreddori | Pazienti.it

Come tante maestre elementari, Julie Miller è esposta ogni giorno a una quantità impressionante di germi: “I bambini tossiscono e starnutiscono su di me; per non parlare dei denti che cadono, una questione importante per quelli della prima”, ha detto Julie, che insegna in una scuola a Spring Hills, nei sobborghi di Chicago. “Sono così carini e ignari, però. Avranno pure le caccole appese fuori dal loro naso, ma parlano con te e non pensano a nulla. Alcuni insegnanti li mandano fuori, ma io dico ai miei studenti: ‘Vai a prendere un Kleenex e lavati le mani.’ Quando starnutiscono, ricordo di farlo tra i gomiti. E alla fine imparano “.

In media, i bambini della scuola elementare hanno dagli otto ai dodici raffreddori o influenze ogni anno scolastico. Per i ragazzi più grandi, è circa la metà. Insegnanti e genitori comunemente parlano di questo fenomeno chiamandolo “malattia del ritorno a scuola”.

Ma ci sono modi semplici per mantenere i vostri bambini sani. Julie Miller, che ha un figlio pronto per andare all’asilo, non è preoccupata: “Ho insegnato ai miei figli le abitudini sane, sono sicura che andrà tutto bene”. Si assicura che dormano molto, facciano esercizio fisico regolarmente e mangino cibi sani. Ha insegnato ai suoi figli a lavarsi le mani spesso, e se fuori casa non possono farlo c’è sempre del gel antibatterico pronto nello zaino.

Io non ho la fobia dei germi come alcuni dei miei colleghi che hanno messo lozione antibatterica ovunque, pure nella loro auto o nelle loro classi”, ha detto Julie.

Zone pericolose

I germi sono nei luoghi comuni, come le scuole, sottolinea il dottor Harley Rotbart, professore di pediatria presso l’Università del Colorado. “È incredibile quante volte i bambini tocchino i loro volti per poi toccare altri ragazzi”, ha detto Rotbart. “Ѐ così che noi condividiamo i germi. E i più piccoli non hanno la nostra stessa esposizione ai microbi, così fino a quando il loro sistema immunitario non è maturo si ammalano più frequentemente”.

Le scuole sono piene di “zone a rischio” per i germi, dice Rotbart. “La maggior parte della gente pensa che è la stanza da bagno, ma non vero. I bagni vengono puliti frequentemente”.

Se dovesse classificare i luoghi con più microbi della scuola, il numero uno sarebbe la fontanella dell’acqua. Ѐ il luogo ideale per ingerire questi microrganismi visto che i bambini uniscono le loro bocche al flusso di acqua o alla fontana stessa. Rotbart suggerisce agli studenti di far scorrere l’acqua per un po’ prima di bere. Meglio ancora sarebbe far portare ai bambini le proprie bottiglie d’acqua e non condividerle con nessuno.

I vassoi della mensa sono un’altra zona calda per i germi. “I vassoi spesso non vengono puliti bene”, dice Rotbart, raccomandando che i bambini portino il vassoio al loro tavolo e utilizzino del disinfettante per le mani prima di toccare il loro cibo.

Bisogna mantenere un certo equilibrio però, noi non vogliamo che i bambini diventino paranoici”, ha detto Rotbart. “Dobbiamo essere prudenti. I germi, per le persone che sono sane, in realtà non sono un grosso pericolo”.

Consigli per stare in salute

Rotbart dice ai genitori di assicurarsi che i loro bambini siano abbastanza riposati. I bambini in età scolare dovrebbero ottenere da dieci a undici ore di sonno ogni notte. La privazione del sonno riduce la capacità del sistema immunitario di combattere le infezioni.

L’esercizio fisico, dice Rotbart, è un altro modo efficace per tenere i bambini sani. Egli suggerisce una dose giornaliera di 40 minuti di esercizio, anche in inverno, coprendosi bene. “Vostra madre aveva ragione: studi hanno dimostrato che le persone che si coprono bene contro il freddo hanno meno probabilità di prendere il raffreddore nel corso dell’anno”, ha detto Rotbart.

La dieta del bambino svolge anche un ruolo importante per scongiurare le malattie. Alimenti ricchi di vitamina C non cancellano del tutto il rischio di raffreddori, ma possono ridurne la lunghezza. E anche i vaccini antinfluenzali all’inizio della stagione fredda sono molto importanti.

Per impedire ai germi di entrare nel nostro organismo, il lavaggio delle mani è fondamentale. Ogni anno Julie Miller invita un’infermiera per insegnare ai suoi alunni di prima elementare le tecniche adeguate. “Ho un poster sul lavaggio delle mani nella mia classe, e se non sento i bambini lavarsi le mani – anche se sono nel bel mezzo di una lezione e il preside sta facendo la mia valutazione – fermo quello che sto facendo e dico: ‘Lavarsi le mani!’”.

L’importanza delle mani pulite

Judy Harrison, una professoressa di nutrizione presso l’Università della Georgia, dice che gli studi che sta conducendo mostrano che la maggior parte dei ragazzi non sanno come lavarsi le mani correttamente (solo il 28% conosceva il metodo giusto). Lavare correttamente le mani riduce problemi gastrointestinali così come il raffreddore e l’influenza. “Insegno loro a cantare ‘buon compleanno’ a sé stessi due volte per assicurarsi che lavino le mani per almeno venti secondi”, ha detto Harrison. Insegna anche a pulire gli spazi fra le dita e intorno alle loro unghie e a utilizzare una carta asciugamano pulita o un phon per asciugarsi. Un sacco di gente pensa che il disinfettante per le mani sia meglio, ma in realtà il lavaggio con acqua e sapone è il modo più efficace per eliminare i germi.

I miei figli sono ossessionati con il disinfettante per le mani”, ha detto Amy Falcone, un’insegnante di scienze che insegna a Wood Dale Junior High nella periferia di Chicago. “Fa parte della lista degli oggetti che i bambini devono portare con sé, oltre ai kleenex”.

Bambini sani, maestri in forma

Falcone è stata un’insegnate per più di venti anni. Ha notato che alcuni degli insegnanti più nuovi sono quelli che si ammalano più spesso: “Quando sei nuovo sacrifichi te stesso per dare una buona impressionare, e alcuni giovani insegnanti si dimenticano di prendersi cura di se stessi”. Lei consiglia ai nuovi insegnanti di mantenere il passo con le loro abitudini sane: “Mangiare bene, dormire, fare quello che si può per ridurre lo stress”.

Amy aiuta anche se stessa a rimanere in forma: “Ѐ particolarmente importante per me come insegnante, non posso mancare a scuola”, ha detto. “Ho i bambini in fila davanti la mia porta ogni mattina. Ho bisogno di essere lì per loro. Stare in salute è assolutamente indispensabile”.

 

Vuoi approfondire l'argomento con uno specialista?

Scrivi al medico Parla con un medico
Marco Cicirello
Scritto da:
112 articoli pubblicati

Commenta questo articolo:

comments powered by Disqus