Desipramina

Contenuto di: - Curatore scientifico: Dr. Elena Tamussi
Indice contenuto:
  1. Quando non va usata?
  2. Cosa si deve sapere prima di assumere la desipramina?
  3. Ha interazione con altri farmaci?
  4. Come si utilizza?
  5. Quali sono i principali effetti collaterali?
  6. Come si conserva?

Quando non va usata?

Non va usata in caso di: 

  • Allergia ai suoi ingredienti
  • Se si è reduci da attacchi cardiaci
  • Se si assume, o si è assunto, un inibitore delle monoamino ossidasi (MAO) negli ultimi 14 giorni

Cosa si deve sapere prima di assumere la desipramina?

Informare sempre il medico se si verifica una di queste condizioni:

  • Gravidanza o allattamento
  • Se si sta assumendo un qualsiasi tipo di medicina, preparazione a base di erbe o integratore
  • Allergie di vario tipo
  • Se si è presentata una forma allergica grave (rush cutaneo, orticaria, difficoltà respiratorie, vertigini) dopo l’assunzione di un altro tipo di farmaco (es. imipramina)
  • Se si è soliti bere alcool o si ha una storia di alcoolismo alle spalle
  • Se in famiglia ci sono casi di morte improvvisa o aritmie
  • In caso di glaucoma, ingrossamento della prostata, problemi a reni o fegato, diabete, problemi di minzione, ictus, problemi cardiaci, altri disturbi mentali o dell’umore, convulsioni, tendenze suicide, problemi di tiroide e porfiria.
  • Se si è sottoposti a terapia di elettrochock o se si deve subire un intervento chirurgico
  • In caso di assunzione di farmaci per la tiroide o contenenti blu di metilene

Ha interazione con altri farmaci?

Sì. Informare il medico se si sta assumendo:

  • Linezolid o IMAO
  • Benzodiazepine, buspirone, cimetidina, fentanil, flecainide, litio, fenotiazine, propafenone, chinidina, inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), inibitori della ricaptazione dellaserotonina-norepinefrina (SNRI), erba di San Giovanni, tramadolo, triptani o triptofano
  • Anticolinergici, poiché diminuiscono l’efficacia della desipramina
  • Guanetidina o simpaticomimetici

Come si utilizza?

Si assume per bocca. Per il dosaggio attenersi strettamente alle informazioni fornite dal medico. Se si passa dall’assunzione della fluoxetina a quella della desipramina potrebbe essere necessario far passare 5 settimane prima di procedere con l’assunzione del nuovo farmaco. Se assunta prima di coricarsi vengono ridotti gli effetti collaterali di sonnolenza diurna. Non sospendere il prodotto senza essersi consultati con un medico. 

Quali sono i principali effetti collaterali?

  • Sonnolenza, vertigini, visione offuscata o sensazione di testa vuota. Questi possono peggiorare con l’assunzione di alcool. Evitare quindi di mettersi al volante o svolgere altre attività pericolose per se e per gli altri.
  • Svenimento
  • Abbronzatura in tempi più rapidi, quindi evitare l’esposizione al sole ed alle lampade solari
  • Per i pazienti diabetici l’assunzione di desipramina può portare ad aumenti di zuccheri nel sangue
  • Sindrome serotoninergica i cui sintomi sono agitazione, coma, confusione, sudorazione eccessiva, febbre, accelerazione del battito cardiaco, allucinazioni, nausea, vomito, diarrea e tremori.
  • Sindrome neurolettica maligna (SNM). Si manifesta con febbre, irrigidimento muscolare, confusione, alterazioni del pensiero, sudorazione, battito irregolare
  • Aumento di pensieri ed azioni suicidiarie. 

In caso di gravidanza discutere con il medico sui vantaggi ed i rischi dell’assunzione della desipramina. In nessun caso allattare al seno. Questo farmaco necessita di un paio di settimane per far sentire i propri benefici. 

Come si conserva?

L’ambiente di conservazione deve avere una temperatura tra i 15 ed i 30  gradi. Non esporre a calore, umidità e luce e mantenere il contenitore ermeticamente chiuso.