Astenia

Contenuto di: - Curatore scientifico: Dr. Virgilio De Bono
Indice contenuto:
  1. Cos'è l'astenia?
  2. Quali sono le cause dell'astenia?
  3. Come è correlata l’astenia al paziente oncologico?

Cos'è l'astenia?

Astenia

Solitamente, il termine astenia si riferisce a situazioni in cui la persona sperimenta fatica, disturbi nel ciclo del sonno e iperestesia o una sensibilità maggiore a vari stimoli. L’astenia può riguardare solo parti del corpo o il corpo intero.

I suoi sintomi rendono difficile all’individuo di finire un’attività e la debolezza sperimentata può venire categorizzata come debolezza reale o percepita. La debolezza reale è caratterizzata da una perdita delle forze e della capacità fisiche, ed è causata da infortuni o difetto muscolare. La debolezza percepita è una risposta non-neuromuscolare in cui una persona ha la percezione di non poter finire un compito a causa della debolezza, anche se i muscoli fisiologicamente, funzionano in modo normale.

L’astenia può colpire chiunque, e non discrimina in base all’età, razza o sesso. I sintomi possono essere a breve termine, a lungo termine (astenia cronica), o a intermittenza.

I sintomi del paziente astenico possono interessare il corpo intero o possono essere localizzati in una zona particolare del corpo. Quando è interessato tutto il corpo, i sintomi più comuni includono sensazioni come:

  • influenza;

  • febbre;

  • stanchezza;

  • mancanza di energia;

  • disagio fisico;

  • perdita di forza muscolare;

  • incapacità di completare le attività;

  • movimenti lenti;

  • sensazione di instabilità.

Quando invece solo alcune parti del corpo ne sono colpite, i sintomi più comuni includono:

  • movimenti lenti;

  • contrazioni muscolari;

  • tremori o agitazioni durante lo sforzo;

  • crampi muscolari.

Quando l’astenia è presente con altri sintomi, ciò può essere indicativo di un problema più serio. Questi sintomi possono comprendere:

Quali sono le cause dell'astenia?

Vari sono i fattori e le cause che risultano nella comparsa dell’astenia. Essa è causata da molte condizioni che possono scatenare debolezza e la perdita delle forze.

Le cause comuni di astenia includono le seguenti:

  • stile di vita sedentario che spesso porta alla degradazione muscolare;

  • invecchiamento, in quanto il tono muscolare si indebolisce come parte del processo naturale dell’invecchiamento, portando a una sensazione di debolezza;

  • infezioni, in quanto la comparsa di infiammazione muscolare a seguito di un’infezione può causare il temporaneo indebolimento del muscolo finché l’infezione non sia stata curata;

  • malattie croniche che indeboliscono il tono muscolare a seguito dello scarso apporto a questi ultimi di nutrienti e sangue;

  • gravidanza, durante la quale i livelli di steroidi nel sangue , associati con l’anemia, sono alti e questo porta a sperimentare una sensazione di stanchezza e debolezza.

Altre cause che possono provocare astenia sono:

  • ansia e depressione;

  • dolore cronico;

  • malattia polmonare cronica;

  • effetti collaterali a certi farmaci;

  • carenza vitaminica, in particolare della vitamina B9;

  • abuso di farmaci;

  • tumori come polpo adenomatoso, colangiocarcinoma, condrosarcoma, coriocarcinoma, disgerminoma;

  • intossicazione alimentare;

  • chemioterapia a base di cisplatino, carboplatino, vinorelbina;

  • a seguito della convalescenza di procedure chirurgiche come la cistectomia e lobectomia;

  • radioterapia.

Come è correlata l’astenia al paziente oncologico?

L’astenia dei pazienti oncologici è una sensazione soggettiva di stanchezza persistente correlata al cancro o al suo trattamento, e può persistere per anni dopo la fine del ciclo di cure. Tale sensazione non è proporzionale all’attività svolta, non è alleviata dal sonno, e può causare problemi nella qualità della vita del paziente.

Il meccanismo biologico che supporta questa patologia ha a che fare con la presenza di un’infezione durante e dopo il trattamento del cancro. In ogni caso, studi hanno rivelato che lo sviluppo e la persistenza dell’astenia nei pazienti oncologici dipenda da altri fattori non correlati al cancro o al suo trattamento.

Sebbene al momento non esista una cura contro l’astenia, sono disponibili un numero di approcci che hanno dimostrato effetti benefici, tra cui: attività fisica, trattamenti psicosociali, mente e corpo e farmacologici.