Redazione
Redazione
330 articoli pubblicati

Colpo della strega: che fare?

Pubblicato il 16/02/2017
Colpo della strega: che fare? | Pazienti.it

Dr. Giacomo Asquini, specialista in fisioterapia. 


Ahi che dolore! Quando il colpo della strega si fa sentire, è difficile rialzarsi e continuare con le normali attività quotidiane. Cosa fare per combattere il mal di schiena che ci blocca? Abbiamo chiesto al dr. Giacomo Asquini, specialista in fisioterapia.

Quali sono i rimedi per il colpo della strega?

Innanzitutto, occorre stare a riposo, se possibile sdraiati a letto; se i dolori sono particolarmente intensi e non migliorano nel giro di 2 o 3 giorni, è necessario contattare il proprio medico. Il colpo della strega ha solitamente una causa muscolare, quindi mettere del caldo sulla zona dolente può dare beneficio.

Quali esercizi riabilitativi è opportuno eseguire?

Finita la fase acuta (2/3 giorni), si può iniziare gradualmente con degli esercizi di stretching e di automobilizzazione della regione lombare.

Quali sport evitare se si soffre di colpo della strega recidivante?

Nel caso in cui questi episodi dolorosi siano ricorrenti, il primo consiglio è fare degli approfondimenti diagnostici, potrebbero esserci dei disturbi muscolo-scheletrici che ripetutamente infiammano la parte lombare.

Una volta passato il dolore, sicuramente un po’ di attività fisica può aiutare; occorre sempre valutare con il proprio fisioterapista caso per caso, ma in generale sarebbe da evitare la corsa, specie se svolta con scarpe non adegaute e su asfalto.

Resta aggiornato sul mondo della salute

Prova la newsletter di Pazienti oggi stesso!

  No spam!     Annulla quando vuoi

Scritto da:

Redazione
Redazione

Noi della Redazione di Pazienti scriviamo di benessere e salute, andando a scovare tutte novità del mondo sanitario e approfondendo i temi di maggior interesse.

Nella categoria Voce agli specialisti:

Gli specialisti di Pazienti.it rispondono alle domande più frequenti, con consigli di salute per tutti i lettori.
Vedi tutti i post di Voce agli specialisti →

comments powered by Disqus