Nervo trigemino

Contenuto di:

Il nervo trigemino è un nervo misto somatico di natura sensitiva per la sensibilità di tutto il viso e della testa. Una parte delle sue fibre è invece di natura motoria per i muscoli della masticazione.

Che cos'è il nervo trigemino?

Nervo_trigemino | Pazienti.it

Il nervo trigemino è il più grande e più complesso dei 12 nervi cranici. È addetto alle sensazioni che si sentono al volto, alle mucose e ad altre strutture della testa. E' il nervo motore dei muscoli della masticazione e contiene fibre propriocettive.

Il nucleo sensoriale è abbastanza esteso. Riceve le sensazioni dai 3 principali rami del trigemino. La divisione oftalmica è nella parte inferiore del nucleo e il ramo mandibolare è nella parte superiore. La grande testa rostrale è il principale nucleo sensoriale. La parte conica caudale è il tratto spinale, che è continuo e formato da una sostanza gelatinosa di Rolando nel midollo spinale. Il tratto spinale è il nucleo sensoriale, addetto alla captazione del dolore e della temperatura. 

Il nucleo del motore è ventromediale al nucleo sensoriale. Si trova vicino all'angolo laterale del quarto ventricolo nella parte rostrale. Il nucleo mesencefalico si trova nel mesencefalo e riceve fibre propriocettive da tutti i muscoli della masticazione.

Il nucleo principale sensoriale riceve i suoi afferenti (come la radice sensoriale) dal ganglio semilunare attraverso la parte laterale della superficie ventrale. I suoi assoni attraversano l'altro lato, salendo verso i nuclei talamici per trasmettere nella corteccia cerebrale post-centrale.

Gli assoni di questi nuclei attraversano il lato opposto, ascendenti nel tratto spinotalamico, per trasmettere nei nuclei talamici; da lì, finiscono nella corteccia cerebrale.

Le fibre propriocettive nascono dai muscoli della masticazione e dai muscoli extraoculari. Terminano nel nucleo mesencefalico.

Il nucleo riceve fibre corticali per il controllo volontario dei muscoli della masticazione. Riceve anche un input dai nuclei mesencefalici e sensoriali. Gli assoni emergono anteriormente alla radice sensoriale dalla superficie laterale. Questa radice del motore unisce il ganglio semilunare insieme alla radice sensoriale.

Il ganglio semilunare contiene i corpi cellulari sensoriali dei 3 rami del nervo trigemino (divisioni oftalmiche, mandibolari e mascellari). I nervi oftalmici e mascellari sono puramente sensoriali. Il nervo mandibolare ha funzioni sensoriali e motorie.

Il ganglio gasseriano si trova in una depressione dell'apice petroso, all'interno di una piega dura chiamata grotta di Meckel. Le radici sensoriali dei 3 rami vengono ricevute anteriormente. La radice del motore passa sotto il ganglio per aderire alla divisione sensoriale del nervo mandibolare ed esce dal cranio attraverso il forame ovale.

I rami oftalmici, mascellari e mandibolari del nervo trigemino lasciano il cranio attraverso 3 forami separati: la fessura orbitale superiore, il forame rotondo e il forame ovale.

Cosa controlla il nervo trigemino?

Il nervo trigemino è responsabile della maggior parte delle afferenze sensoriali di:

  • viso
  • cuoio capelluto
  • globo oculare
  • congiuntiva
  • ghiandole lacrimali
  • padiglione auricolare
  • canale uditivo esterno
  • cavità nasale
  • cavità orale
  • denti
  • articolazione temporomandibolare
  • rinofaringe
  • membrane meningee
  • fossa craniale anteriore e mediana
  • parte superiore del tentorio del cervelletto

Riceve, inoltre, afferenze propriocettive da:

  • muscoli masticatori
  • muscoli oculomotori esterni
  • muscoli mimici

Il nervo trigemino fornisce, inoltre, l’innervazione motoria ai muscoli masticatori, miloioideo ventre anteriore del digastrico, tensore del velo palatino e del timpano.

Cos’è il nervo oftalmico?

Il nervo oftalmico è il primo ramo del nervo trigemino. Viene dalla superficie convessa del ganglio gasseriano, nella dura della parete laterale del sinusale venoso cavernoso e sopra il nervo mascellare.

Trasporta informazioni sensoriali dal cuoio capelluto e dalla fronte, dalla palpebra superiore, dalla congiuntiva e dalla cornea dell'occhio, dal naso, dalla mucosa nasale, dai seni frontali e da parti delle meningi.

Il nervo oftalmico riceve i filamenti simpatici dal seno cavernoso. Poco prima che esca dal cranio attraverso la fissazione orbitale superiore, si divide in 3 rami: il frontale, il lacrimale e la nasociliare.

Passa nella parte laterale della fessura orbitale superiore, al di sotto del nervo lacrimale. Si divide in mezzo all'orbita nel sopraorbitale (ramo più grande) e nei nervi sopratrocleari.

Il nervo sopraorbitale esce dal cranio attraverso la tacca sopraorbitale. Fornisce il cuoio capelluto (attraverso i rami laterali e mediali).
Il nervo sopratrocleare esce dall'orbita mediale e dà rami alla congiuntiva e alla pelle della calotta superiore, così come alle parti inferiori e mediali della fronte. Il ramo al seno frontale lo penetra nella tacca sopraorbitale per fornire la mucosa frontale del seno.

Cos’è il nervo lacrimale?

Il nervo lacrimale sorge nella parte stretta e laterale della fessura orbitale superiore e nei corsi tra il retto laterale e la periorbita. Fornisce la ghiandola lacrimale, la congiuntiva e la palpebra superiore. Nell'orbita, riceve una comunicazione dal ramo zigomatico del nervo mascellare.

Cos’è il nervo nasociliare?

Dopo aver superato la fessura orbitale superiore, il nervo nasociliare dà origine al nervo etmoidale anteriore che passa per il forame etmoidale anteriore laterale, per fornire i seni etmoidali frontali e anteriori. Fornisce la parte anteriore del setto e della parete nasale laterale. Dopo essere uscito dal naso come nervo nasale esterno, fornisce la pelle della punta nasale.

Il nervo nasociliare dà un ramo al ganglio ciliare che passa senza sinapsi alla cornea, all'iride e al corpo ciliare. I nervi etmoidali posteriori vengono somministrati prima dell'etmoide anteriore e forniscono i seni etmoidali posteriori e sfenoidi.

Cos’è il nervo mascellare?

Il nervo mascellare trasporta informazioni sensoriali provenienti dalle palpebre e dalle guance inferiori, le narici e il labbro superiore, i denti superiori e le gengive, la mucosa nasale, il palato e il tetto della faringe, i seni sinusali, l’etmoide, lo sfenoide e le parti delle meningi. E' suddiviso in 3 parti: zigomatica, pterigopalatina e nervi alveolari superiori posteriori.

Mentre lascia il ganglio semilunare, il nervo mascellare passa attraverso la dura della parete laterale del seno cavernoso. Esce dal cranio attraverso il forame rotondo e attraversa la fossa di pterigopalatina per entrare nell'orbita attraverso la fessura orbitale inferiore, dove diventa il nervo infraorbitale.

Il ramo zigomatico si divide nei nervi zigomatico-temporali e zigomatico-facciali.

Nella parete laterale dell'orbita, il nervo lacrimale trasporta fibre postganglioniche dal ganglio sfenopalatino per la lacrimazione. Il nervo zigomatico facciale è situato inferiormente e fornisce la pelle della guancia.

I nervi pterigopalatini sono 2 nervi che uniscono il ganglio della sfenopalatina al nervo mascellare. Trasmettono sensazioni afferenti dal naso, dal palato e dalla faringe. Inoltre, portano fibre parasimpatiche al nervo lacrimale che va alla ghiandola lacrimale. 

Cos’è il nervo mandibolare?

Il nervo mandibolare è il più grande ramo del nervo trigemino. Trasporta informazioni sensoriali dal labbro inferiore, dai denti inferiori, dalle gengive, dal mento e dalla mascella, delle parti dell'orecchio esterno e delle parti delle meningi. Non dona la sensazione di gusto, ma uno dei suoi rami, il nervo linguale, porta più tipi di fibre nervose che non sono originate dal nervo mandibolare. I rami del nervo trigemino sono distribuiti nel nervo mandibolare

Il nervo mandibolare ha i seguenti 9 rami:

  1. nervo meningeo ricorrente
  2. nervo pterigoideo mediale
  3. nervo masseterino
  4. nervi profondi temporali 
  5. nervo pterigoideo laterale
  6. nervo buccale 
  7. nervo auricolotemporale 
  8. nervo linguistico 
  9. nervo alveolare inferiore 

Argomenti: infiammazione trigemino nervo trigemino